Home / VIAGGI / Visitare il Castello Aragonese di Otranto

Visitare il Castello Aragonese di Otranto

Se per le vostre prossime vacanze estive avete deciso di alloggiare nel Salento, magari in un bed and breakfast, avrete l’opportunità di divertirvi tra spiagge e mari da favola, e di conoscere i tanti punti di interesse artistico a culturale presenti in zona.

Imperdibile ad Otranto il famoso Castello Aragonese, il simbolo per eccellenza di questa città che vi stupirà per la sua bellezza e imponenza. Come tutte le città collocate lungo la costa, anche Otranto doveva spesso fare i conti con gli attacchi e le invasioni da parte di popolazioni straniere, che arrivavano appunto dal mare. Per questo motivo il Salento è ricco di strutture difensive, come le numerose torri costiere disseminate lungo la costa, le masserie fortificate e i castelli.

Proprio in seguito ad un’incursione turca e ad un lungo assedio, iniziato nel 1480, il Castello fu in parte distrutto. Quando la città fu poi liberata dal duca di Calabria, Alfonso d’Aragona, e dalle sue truppe, la struttura fu fatta ricostruire e successivamente rinforzata, con l’aggiunta di bombarde ed artiglierie.

Anche se attualmente, della struttura aragonese, restano soltanto un torrione e parte delle mura. Il suo volto attuale è legato maggiormente al governo vicereale spagnolo, che si stabilì ad Otranto per un lungo periodo di tempo. Molto belle restano la Sala Triangolare, simbolo dell’architettura militare dell’epoca, e la cosiddetta Punta di Diamante, ovvero un meraviglioso bastione.

Una volta giunti qui potrete visitare il complesso quasi per intero ed assistere ai numerosi eventi artistici e culturali che vengono realizzati al suo interno, come mostre, fiere e quant’altro. Mescolando divertimento ed arte, in una cornice altamente suggestiva e ricca di storia, tutta salentina.

About Sara

Da non perdere

Dove andare ad Albavilla: l'Alpe del Vicerè

Dove andare ad Albavilla: l’Alpe del Vicerè

La località di Albavilla, in provincia di Como, è famosa tra le altre cose per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *