Home / VIAGGI / Un Tour della Valle d’Itria per apprezzarne i paesaggi
Un Tour della Valle d'Itria per apprezzarne i paesaggi

Un Tour della Valle d’Itria per apprezzarne i paesaggi

Tra i paesaggi più spettacoli dell’entroterra pugliese c’è quello della Valle d’Itria, dove si susseguono distese di uliveti, muretti a secco, trulli, case basse e bianche di calce.

È un territorio compreso tra le province di Brindisi, Bari e Taranto e ecco il tour che potrete intraprendere per apprezzare questa parte del Tacco d’Italia. SalentoExperience.it organizza un percorso che vi farà scoprire ogni angolo di questa zona della Puglia.

I borghi della Valle d’Itria

I paesaggi della Valle d’Itria sono dominati da alcuni borghi caratteristici, come Alberobello con i suoi trulli, Ostuni, Locorotondo e Cisternino.

La distanza massima tra loro non supera i 30 km e quindi si possono visitare spostandosi agevolmente in auto e poi proseguendo a piedi tra i vicoli o in bicicletta nelle campagne della valle creata da una depressione carsica.

Alberobello

Alberobello è famosa in tutto il mondo per i suoi trulli, costruiti magistralmente a secco e senza l’uso di malta. La loro tipica forma conica consente di mantenere il fresco d’estate e il caldo d’inverno e molti sono stati trasformati in strutture ricettive. I turisti così possono provare l’emozione di pernottare all’interno di un trullo autentico.

Alberobello è patrimonio dell’UNESCO dal 1996 e il trullo più grande si può ammirare al centro del borgo, composto da 15 costruzioni comunicanti e tipicamente imbiancate all’esterno dalla calce.

Ostuni

Il borgo di Ostuni non a caso è stato rinominato “città bianca”: prima di arrivare le case si notano già in lontananza perché riflettono la luce del sole.

È una cittadina fortificata che ancora oggi conserva in parte le mura di cinta costruite nel’500.

La sua posizione sui 3 colli consente una vista sulla Valle d’Itria dove lo sguardo si perde quasi fino al mare, che dista pochi chilometri, ma che in alcune particolari giornate può essere intravisto.

A Ostuni potrete visitare la cattedrale risalente al ‘400 in stile gotico fiorito e la Chiesa di San Giacomo in Compostela, il cui stile non è definibile, ma è apprezzata proprio per tale motivo.

Tra i palazzi più belli del borgo c’è quello vescovile e, nei dintorni di Ostuni, si possono ammirare i resti archeologici di un’antichissima civiltà che si dedicava alla costruzione di altari, del tutto simili ai menhir e ai dolmen della Gran Bretagna.

Locorotondo

Locorotondo è uno dei borghi più caratteristici della Valle d’Itria ed è inconfondibile per i suoi tetti costruiti con le “cummerse”, che in dialetto locale indicano le tegole e il fatto di essere spioventi, ma anche molto luminosi.
Diverse sono le chiese da visitare passeggiando per i suoi vicoli stretti, tra cui quella della Greca, che conserva uno dei rosoni più complessi del sud Italia in stile romanico e quella di san Giorgio, dedicata al patrono locale.

Il consiglio è quello di fermarsi a mangiare in questo luogo dove si produce il famoso vino Locorotondo D.O.C.

Cisternino

Diversi sono i luoghi da visitare a Cisternino, tra cui la Chiesa Matrice di San Nicola Patara e la torre normanno-sveva.

Il lunedì qui si svolge un animato mercato settimanale, tipico dei paesi del sud, dove trovare prodotti tipici dell’enogastronomia pugliese e fare altri acquisti.

Il consiglio è quello di visitare il centro storico nel quale godere il silenzio, rotto solo dai suoni della natura che circondano il borgo.

Potrete osservare un panorama mozzafiato dall’altura dove sorge Palazzo Amati, con un colpo d’occhio unico sia sulla Valle d’Itria che sulle Murge.

About Sapori&Viaggi

Da non perdere

Visite alle città d’arte della Toscana: Siena

Visite alle città d’arte della Toscana: Siena

Chi si occupa di turismo a Siena sa che è necessario proporre pacchetti vacanze riccamente …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *