Home / DESTINAZIONI / Scopriamo la Riserva delle Cesine nel Salento
Scopriamo la Riserva delle Cesine nel Salento

Scopriamo la Riserva delle Cesine nel Salento

La riserva naturale delle Cesine si trova nel comune di Vernole in provincia di Lecce e comprende una zona umida costiera, formata da alcuni stagni salmastri che ospitano diverse specie di animali, soprattutto uccelli migratori e stanziali.

È gestita dal WWF e visitabile tutto l’anno, a piedi o in bici, con l’accompagnamento di una guida.

Storia della Riserva Naturale

Le Cesine, come le vediamo oggi, sono ciò che rimane di una vastissima area paludosa che si estendeva da Brindisi a Otranto. Una zona da sempre considerata insalubre per la presenza della zanzara anofele, portatrice della malaria.

Verso la fine del 1800 si iniziò a bonificare la zona, tramite lavori di canalizzazione e di impianto di specie arboree che avevano il compito di assorbire l’acqua.

Tutta la zona venne quindi quasi completamente prosciugata e trasformata in terreno coltivabile, che venne assegnato per circa metà della sua estensione alla regione Puglia mentre l’altra metà venne ripartita tra i braccianti che avevano partecipato ai lavori di bonifica.

Negli anni ’70 si iniziò a progettare la trasformazione dell’area in zona umida protetta, iniziando un’opera di sensibilizzazione e conservazione che portò, nel 1980, al suo riconoscimento come Riserva Naturale dello Stato e alla sua assegnazione al WWF, che la gestisce ancora oggi.

Scopri di più in un bellissimo documentario firmato RAI e ospitato sul sito Aligros Immobiliare.

La Masseria

L’area naturale delle Cesine ospita al suo interno una masseria, frutto di costruzioni in epoche diverse. La parte più antica è costituita dalla torre di avvistamento costruita nel XVI secolo.

Tutta la struttura ospita oggi, dopo importanti lavori di ristrutturazione una foresteria, il centro visite, l’auditorium e un centro di ristoro per i visitatori.

Flora e fauna

Le specie vegetali e animali ospitate nell’oasi sono numerose e particolarmente interessanti. La classica macchia mediterranea fatta di arbusti e cespugli, si affianca ai pini marittimi, ai cipressi e alle foreste di lecci.

Molte le piante acquatiche che crescono negli stagni e intorno ad essi. Di particolare bellezza, nel periodo primaverile è la fioritura di alcuni tipi di orchidee spontanee.

Sono tantissimi gli insetti che vivono nell’oasi, sia acquatici che terrestri e, a primavera il volo delle farfalle riempie l’aria di colore e allegria.

In una zona umida come questa non possono mancare gli anfibi: raganella, rospo comune, rospo smeraldino ma anche il tritone italiano e il tritone crestato. Vi sono poi diverse specie di rettili: lucertole, ramarri, gechi, serpenti e testuggini palustri.

Ma la parte del leone la fanno gli uccelli: mestoloni, alzavole, morette, folaghe, tuffetti, germani reali tra le specie acquatiche, fringuelli, usignoli, cinciarelle e qualche rapace che arriva nel periodo delle migrazioni, tra le specie terrestri.

Non mancano ovviamente i mammiferi come tassi, faine, donnole e volpi.

About Sapori&Viaggi

Da non perdere

Il Parco Nazionale delle Cinque Terre, un incantevole e scenografico paesaggio

Il Parco Nazionale delle Cinque Terre, un incantevole e scenografico paesaggio

Esistono luoghi magici in giro per il nostro Paese e raccontarne la bellezza comunque non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *